Novena a San Luigi Gonzaga

Novena a San Luigi Gonzaga

Nel nome del Padre, e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

  1. O caro S. Luigi, che emulasti sulla terra la purezza degli Angeli del Cielo, avendo conservato fino alla morte bella e candida la stola dell’innocenza battesimale, per quel grande amore che portasti a tutte le virtù, e specialmente a quella che rende i giovani altrettanti angeli in carne, ottienici da Dio una grande purità di mente, di cuore, di costumi, e la grazia di non perdere mai la sua preziosa amicizia.

Gloria

  1. O caro S. Luigi, che ben conoscendo la necessità dell’obbedienza per conseguire l’eterna salute, hai sempre riconosciuto nella volontà dei tuoi superiori quella di Dio, sottoponendoti con gioia e prontezza, fai che anche noi ti imitiamo in così bella virtù, per goderne i meriti con te in eterno.

Gloria

  1. O caro S. Luigi, che sebbene vivesti sulla terra una vita da vero angelo di paradiso, hai anche voluto castigare il tuo corpo con la più austera mortificazione, ottieni a noi che abbiamo macchiato le nostre anime da molti peccati, di vincere le nostre delicatezze e di esercitare le opere di vera e sincera penitenza, col sopportare volentieri gli incomodi e i dispiaceri della vita, così da conseguire quel premio eterno, che il Signore misericordioso concede in paradiso ai veri e sinceri penitenti.

Gloria

 

La novena a San Luigi Gonzaga, conosciuta anche come la novene delle sei domeniche, può essere recitata dal 12 al 20 giugno in quanto la ricorrenza della festa del santo ricorre il 21 giugno, per sei domeniche precedenti o successive alla festa del Santo oppure in qualsiasi altro momento se ne senta la necessità. Questa novena ha un’origine molto particolare: i pontefici, infatti, al fine di accrescere il culto di San Luigi Gonzaga decisero di concedere l’indulgenza plenaria a tutti coloro che si impegneranno nella novena per sei domeniche consecutive. Queste domeniche possono essere precedenti o successive alla festività di San Luigi Gonzaga, purché ci si accosti ai Sacramenti della Confessione e della Comunione. Questa indulgenza può essere applicata anche alle anime del Purgatorio.

 

Come si recita la novena a San Luigi Gonzaga

  1. Primo giorno o prima domenica: si ricorda San Luigi che piange i suoi peccati con una prima fase di meditazione a cui seguono la giaculatoria e altre preghiere specifiche. Si conclude con la recita di Padre Nostro, Ave Maria e Gloria. Questi momenti si ripetono per tutti i nove giorni di preghiera.
  2. Secondo giorno o seconda domenica: si ricordano le penitenze di San Luigi con la meditazione a cui seguono la giaculatoria e altre preghiere specifiche. Si conclude con la recita di Padre Nostro, Ave Maria e Gloria.
  3. Terzo giorno o terza domenica: si ricorda San Luigi, modello nella virtù della purità, con la meditazione a cui seguono la giaculatoria e preghiere specifiche. Si conclude sempre con la recita di Padre Nostro, Ave Maria e Gloria.
  4. Quarto giorno o quarta domenica: si ricorda San Luigi staccato dai beni della terra, anche in questo caso la meditazione è seguita dalla giaculatoria e dalle preghiere tra cui il Padre Nostro, l’Ave Maria e il Gloria.
  5. Quinto giorno o quinta domenica: si ricorda l’amore di San Luigi verso Dio.
  6. Sesto giorno o sesta domenica: si ricorda la carità di San Luigi verso il prossimo.
  7. Settimo giorno: si ricorda San Luigi che si diede per tempo a Dio.
  8. Ottavo giorno: si ricorda San Luigi modello nella preghiera.
  9. Nono giorno: si ricorda la preziosa morte di San Luigi.