Eremo di Bienno

Eremo di Bienno

L’eremo di Bienno è conosciuto come l’Eremo dei Santi Pietro e Paolo ed è situato al di fuori del centro storico del paese bresciano.

Visitando questo luogo, avrai l’impressione di ritornare indietro nel tempo, all’epoca in cui Sant’Antonio da Padova mise in opera i primissimi edifici. Nel corso dei secoli, l’Eremo ha subito molti interventi di ristrutturazione.

La storia dell’eremo di Bienno

Le origini dell’Eremo di Bienno risalgono almeno al XII secolo, quando i monaci Cluniacensi giunsero nella Valcamonica.

Secondo alcune tesi, è possibile che già nell’IX secolo vi fossero, in queste zone, degli insediamenti di monaci benedettini.

Secondo quanto si narra, il convento francescano che vi si può ammirare venne costruito da Sant’Antonio da Padova nel 1228.

Giovannino di Val Brembana, un muratore del luogo, realizzò, nel 1516, il campanile della chiesa francescana.

La cancellazione del convento

Il convento rischiò, nel 1650, di venire chiuso. All’epoca infatti papa Innocenzo X aveva dato disposizioni per lo scioglimento delle piccole comunità religiose. Per fortuna, grazie all’intercessione del vescovo della città di Brescia, l’eremo fu salvo, ma non per molto tempo.

Il 1 giugno del 1769, dopo essere passato alla provincia veneta, il convento venne infatti cancellato tramite decreto in quanto non riceveva entrate sufficienti.

Dopo essere stato venduto alla Comunità della Valle, l’Eremo venne però abbandonato a se stesso e, nel giro di qualche anno, gli edifici crollarono. Solo alcuni ruderi riuscirono a resistere all’azione del tempo e della natura; una parte dei muri perimetrali, il campanile e il chiostro, estremamente danneggiato.

La ricostruzione

Verso la metà del XX secolo iniziarono i lavoro di ricostruzione dell’antico Eremo di Bienno, allora appartenente a Teresa Morandini e al fratello, don Andrea.

L’idea era quella di utilizzare lo spazio per creare delle strutture destinate al ritrovo spirituale. Fu così che, nel 1961, i Morandini donarono i terreni e i ruderi alla Fondazione Religiosa Alma Tovini Domus e ben presto iniziarono le opere di rifacimento.

L’Eremo di Bienno acquisì il nome di Eremo di Pietro e Paolo in omaggio a papa Paolo VI, di origini bresciane.

La struttura dell’Eremo

L’Eremo di Bienno si trova nella Val Camonica, su una terrazza naturale che permette di godere di una vista meravigliosa sulla valle e sui monti delle catene della Concarena e dell’Adamello.

L’Eremo è formato dall’antica chiesa e da due chioschi immersi un vasto parco. Poco lontano si trova il Monastero di Clarisse.